SERVIZI


Sicurezza sui luoghi di lavoro

Il Protocollo per la sicurezza sui luoghi di lavoro tra Governo e Parti Sociali del 24 aprile 2020, al punto 13, prevede che le aziende redigano un Protocollo sicurezza e che lo stesso venga predisposto dal Comitato Aziendale (appositamente costituito in azienda e composto da: datore di lavoro, RSPP, medico competente se nominato, RLS/RLST, rappresentanze sindacali aziendali ove presenti).

Alle aziende che non dessero luogo alla costituzione del suddetto Comitato Aziendale è data la possibilità di aderire, se costituito dalle Parti Sociali di settore, al Comitato Territoriale.

Pertanto, le aziende che applicano i CCNL dei settori TERZIARIO e TURISMO (sia Alberghi che Pubblici Esercizi) possono fare riferimento al Comitato Territoriale costituito, con accordo del 14 maggio 2020, presso l’Organismo Paritetico Provinciale (OPP), con il coinvolgimento dell’RLST e dei rappresentanti delle Parti Sociali.

Per aderire al Comitato Territoriale l’azienda dovrà inviare allo stesso,  via PEC all’indirizzo ebicom@pec.ebicom.it – oggetto “Protocollo sicurezza – nome azienda”, il Protocollo aziendale redatto.

 

Di seguito puoi trovare i modelli di protocollo che le aziende possono utilizzare per redigere il loro protocollo aziendale:

Scarica il Protocollo Covid-19 per il Commercio

Scarica il Protocollo Covid-19 per Fipe-Pubblici Esercizi

 

Di seguito puoi trovare i fac-simili di protocolli già adottati da alcune realtà aziendali in specifici settori:

Scarica il fac-simile del Protocollo Aziendale Covid-Commercio al Dettaglio-Calzature-Abbigliamento

Scarica il fac-simile del Protocollo Aziendale Covid-Commercio al Dettaglio di Mobili e Prodotti per la Casa

 

 

Di seguito puoi trovare la cartellonistica (sia per dipendenti che per clienti) da affiggere all'interno dei tuoi locali:

Scarica qui la Cartellonistica Covid Generica (settori vari)

Scarica qui la Cartellonistica Covid per Bar e Ristoranti

Scarica qui la Cartellonistica Covid per Bar e Ristoranti in INGLESE

[A/2] Contributo per aziende per l'attuazione dei protocolli CODIV 19

 

Per le aziende aderenti ad EBiCom ed in regola con i versamenti previsti dall’Ente Bilaterale è previsto un contributo di cofinanziamento dei costi dalle stesse sostenuti per la redazione del protocollo aziendale di gestione sicurezza sui luoghi di lavoro in relazione all'emergenza da Covid-19. 

Il contributo sarà pari ad € 50,00, qualora l'azienda occupi fino a 10 dipendenti (calcolati "a teste") e ad € 100,00, qualora l'azienda occupi più di 10 dipendenti. Entrambi gli importi devono ritenersi al lordo della ritenuta d'acconto del 4%.

Inoltre per l'adesione al comitato territoriale, il protocollo aziendale dovrà essere inviato, unitamente all'apposito modulo di adesione al comitato di gestione territoriale per Covid-19 presso l'organismo paritetico provinciale, di cui all'accordo del 14/05/2020.

Il contributo è previsto esclusivamente in favore di aziende che siano state costrette alla chiusura dell'attività per ordinanza delle Autorità oppure in favore delle aziende del settore alberghiero.

Il contributo verrà erogato a cadenza trimestrale.

Termini di presentazione della domanda:

La domanda compilata su apposito modulo, dovrà essere presentata entro e non oltre 30 giorni dalla data del pagamento della fattura.

Documentazione da allegare in fotocopia:

a) visura camerale aggiornata;

b) Copia del DM10 aggiornato al momento della richiesta del contributo;

c) Copia della fattura relativa ai costi del servizio di redazione Protocollo Covid-19;

d) Copia della ricevuta di pagamento della fattura;

e) Copia del Protocollo aziendale per la regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del Virus Covid-19 negli ambienti di lavoro. 

___________________________

DISPOSIZIONI FINALI

Il contributo verrà erogato a cadenza trimestrale

La misura dei contributi sarà determinata in percentuale ai costi sostenuti dalle aziende.

L’Ente a suo insindacabile giudizio, si riserva di poter sospendere, modificare o annullare l’erogazione di tutti o parte dei Sussidi suindicati, in relazione alle proprie disponibilità economiche e finanziarie, relativamente ai capitoli di spesa che saranno periodicamente monitorati e valutati.

Allegati
[ Modulo [A2.pdf] ]

Nominati i R.L.S.T.: ruoli e funzioni
Presso la sede di EBiCom sono stati costituiti i R.L.S.T. (Rappresentanti dei lavoratori territoriali per la sicurezza) e l’O.P.P. (Organismo Paritetico Provinciale), due organismi nuovi ed importanti.
Sono stati nominati i Rappresentanti dei lavoratori territoriali per la sicurezza (R.L.S.T.), individuati nelle persone di:
Massimo Boscaro 
Serena Spezie 
Alessandro Bettio 
Con l’Accordo Territoriale del 04.06.2012, applicativo del Testo Unico sulla sicurezza, i lavoratori e le aziende iscritte ad EBiCom potranno far riferimento all’O.P.P. e ai tre R.L.S.T. nominati, senza oneri aggiuntivi e senza dover procedere alla nomina di un rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (R.L.S.) per ogni azienda.


Funzioni dell’O.P.P.
 costituisce punto di riferimento in merito a controversie sorte sull’applicazione dei diritti di rappresentanza, informazione e formazione, previsti dalle norme vigenti;
 supporta le imprese nell’individuazione di soluzioni tecniche e organizzative dirette a garantire e migliorare la tutela della salute e sicurezza sul lavoro;
 svolge o promuove attività di formazione, anche attraverso l’impiego dei fondi interprofessionali e della bilateralità, nonché, su richiesta delle imprese, rilasciando un’attestazione dello svolgimento delle attività e dei servizi di supporto al sistema delle imprese, tra cui l’asseverazione dell’adozione e della efficace attuazione dei modelli di organizzazione e gestione della sicurezza, della quale gli organi di vigilanza possono tener conto ai fini della programmazione delle proprie attività;
• può effettuare, nei luoghi di lavoro rientranti nei territori e nei comparti produttivi di competenza, sopralluoghi per le finalità di cui al punto 2;
 comunica alle aziende e agli organi di vigilanza territorialmente competenti i nominativi dei rappresentanti dei R.L.S.T.;
 comunica all’INAIL i nominativi delle imprese che hanno aderito al sistema degli Organismi Paritetici e il nominativo o i nominativi dei R.L.S.T..


Funzioni dell’R.L.S.T.
Il R.L.S.T. opera all’interno dell’Organismo Paritetico e svolge, ai sensi dell’art. 50 D.Lgs. 81/2008, i seguenti compiti:
 accede ai luoghi di lavoro in cui si svolgono le lavorazioni;
 è consultato preventivamente e tempestivamente in ordine alla valutazione dei rischi, all’individuazione, programmazione, realizzazione e verifica della prevenzione nell’azienda o unità produttiva;
 è consultato sulla designazione del responsabile e degli addetti al servizio di prevenzione, all’attività di prevenzione incendi, al primo soccorso, all’evacuazione dei luoghi di lavoro e del medico competente;
 è consultato in merito all’organizzazione della formazione;
 riceve le informazioni e la documentazione aziendale inerente alla valutazione dei rischi e le misure di prevenzione relative, nonché quelle inerenti alle sostanze ed ai preparati pericolosi, alle macchine, agli impianti, all’organizzazione e agli ambienti di lavoro, agli infortuni ed alle malattie professionali;
 riceve le informazioni provenienti dai servizi di vigilanza;
• riceve una formazione adeguata di almeno 64 ore iniziali;
 promuove l’elaborazione, l’individuazione e l’attuazione delle misure di prevenzione idonee a tutelare la salute e l’integrità fisica dei lavoratori;
 formula osservazioni in occasione di visite e verifiche effettuate dalle autorità competenti, dalle quali è, di norma, sentito;
 partecipa alla riunione periodica di cui all’art. 35 D.Lgs. 81/2008;
 fa proposte in merito all’attività di prevenzione;
 avverte il responsabile dell’azienda dei rischi individuati nel corso della sua attività;
 può fare ricorso alle autorità competenti qualora ritenga che le misure di prevenzione e protezione dai rischi adottate dal datore di lavoro o dai dirigenti e i mezzi impiegati per attuarle non siano idonei a garantire la sicurezza e la salute durante il lavoro.
Nell’esercizio dei compiti a lui affidati, il R.L.S.T. non può svolgere attività sindacali all’interno delle aziende in cui è chiamato ad operare.

Modalità per la richiesta d’intervento del R.L.S.T.
Le aziende possono richiedere l’intervento del R.L.S.T. per il compimento delle funzioni a lui attribuite.
Tale servizio potrà essere usufruito dalle aziende mediante richiesta all’Organismo Paritetico, da inoltrare presso l’EBiCom, Via Venier 55 31100 Treviso (info@ebicom.it) compilando l’apposito modello di richiesta.
Le richieste d’intervento sono gestite dall’Organismo Paritetico e, in caso di accesso in azienda del R.L.S.T., nell’Accordo Territoriale del 04.06.2012 stipulato tra le parti è stabilito che lo stesso potrà essere esercitato di volta in volta da un unico R.L.S.T., accompagnato da un esponente dell’Associazione Datoriale Unascom Confcommercio.

In allegato Accordo sindacale e modulistica

 

Allegati

E' disponibile la Guida Breve Piano Sanitario Integrativo Protezione COVID-19 e altre sindromi influenzali di natura pandemica.

Clicca sul link per scaricarla.

Guida Piano Sanitario Protezione COVID-19

[A/7] Contributo per accertamenti sanitari per i dipendenti ai sensi del D.Lgs. 81/08

 

Per le aziende aderenti ad EBiCom ed in regola con i versamenti previsti dall’Ente Bilaterale è previsto un contributo parziale a rimborso del costo sostenuto dalle aziende per le visite relative all’accertamento sanitario per i dipendenti, come previsto dal D. Lgs. 81/08, pari al 50% della spesa per singola visita con un massimo di € 25,00 rimborsabili (al lordo della ritenuta d’acconto del 4%).

Le visite rimborsabili sono tassativamente quelle sotto riportate:

1) prima visita, visite periodiche
2) audiometria
3) spirometria
4) elettrocardiogramma
5) valutazione ergoftalmologica
6) valutazione clinico-funzionale del rachide
7) screening oculistico

Non rientrano inoltre nelle spese rimborsabili quelle sostenute per esami clinici e biologici di cui al comma 4 art. 41 D.Lgs. 81/2008.

Termini di presentazione della domanda:

La domanda compilata su apposito modulo, dovrà essere presentata entro e non oltre 30 giorni dalla data del pagamento della fattura, integrata dalla relativa documentazione.

Documentazione da allegare in fotocopia:

a) copia del piano/protocollo sanitario aggiornato, redatto dal medico competente;
b) ricevuta fiscale o fattura del medico competente o del centro medico presso cui questi lavora, relativa alle visite effettuate con specifica del tipo di visita effettuata e della spesa sostenuta;
c) ricevuta del pagamento.

_____________________________

DISPOSIZIONI FINALI

Il contributo verrà erogato a cadenza trimestrale.

La misura dei contributi sarà determinata in percentuale ai costi sostenuti dalle aziende.

L’Ente a suo insindacabile giudizio, si riserva di poter sospendere, modificare o annullare l’erogazione di tutti o parte dei Sussidi suindicati, in relazione alle proprie disponibilità economiche e finanziarie, relativamente ai capitoli di spesa che saranno periodicamente monitorati e valutati.

 

Allegati

L’ente bilaterale interviene, nei limiti e nella modalità deliberate annulmente dal Consiglio Direttivo, finanziando le azioni formative previste come obbligatorie dal D.Lgs. 81/08 
 
 corso responsabile per la sicurezza e relativo aggiornamento (art 34 commi 2 e 3, D.Lgs 81/2008) 
 
 aggiornamento per datori di lavoro che si siano autonominati Responsabile Sicurezza e Formazione 
 
 guida per la compilazione del DVR su linee guida standardizzate 
 
 rimborso del costo di stesura del DVR (Documento Valutazione Rischi) fino ad un importo massimo di € 200,00 compresa IVA, in caso di prima assunzione per aziende che non hanno avuto precedentemente l’obbligo del DVR.
 
 rimborso dei costi sostenuti relativamente al sopralluogo periodico su check norma sanitaria con un massimo di € 100,00 compresa iva.
 
 corso per Rappresentanti lavoratori per la sicurezza e relativo aggiornamento (art 37 commi 10 e 11) 
 
 corso di formazione per lavoratori (art. 37 commi 1, 2, 3, 4, 6, D.Lgs 81/2008) 
 
 corso di prevenzione incendi (artt. 18, comma 1 lett. b e 37, comma 9 D.Lgs 81/2008; artt. 6 e 7 DM 10 Marzo 1998) 
 
 corso per addetti al primo soccorso (D.M. n° 388/2003) 
 
L’ente bilaterale – EBiCom - interviene inoltre finanziando le azioni formative previste per il miglioramento della prevenzione nei luoghi di lavoro ma non obbligatorie ai sensi di legge: 
 
 Formazione per la gestione dello stress lavoro correlato (Buone Prassi Confcommercio Treviso Spisal Ulss 7-8-9 Treviso) 
 
 Formazione in ordine alla valutazione del rischio lavoratrici madri (in conformità al manuale EBiCom, DPL Treviso, Spisal Ulss 7-8-9 Treviso, Inail Treviso su “Maternità: guida alla tutela della salute nell’ambiente lavorativo”) 
 
 Formazione in ordine alla malattia professionale (in conformità a quanto previsto dal progetto CoCo Pro Inail 2011)
 
 Corsi per la gestione del rischio da esposizione agenti cancerogeni (settore distributori di carburante. Progetto Confcommercio Gisc Treviso, EBiCom, Spisal Ulss 7-8-9 INAIL Treviso)
 
----------------------------------- 
* in riferimento ai percorsi formativi sulla sicurezza vale quanto precisato dalla circ.del Ministero del Lavoro in ordine alle competenze settoriali degli Enti Bilaterali, specificando che EBiCom Treviso rappresenta i settori per i quali vengono applicati i seguenti CCNL: CCNL per dipendenti da aziende del terziario, della distribuzione e dei servizi e CCNL per i dipendenti delle aziende del settore turismo. 
 
** con riferimento alla durata dei percorsi di formazione questi potranno essere adeguati a quanto previsto dalle decisioni che assumerà la conferenza Stato Regioni in merito. 
 
Formazione di base HACCP Formazione obbligatoria e sostitutiva del libretto sanitario
 
 Tali contributi saranno erogati a condizione che la relativa formazione sia stata svolta tramite strutture che risultino essere accreditate presso EBiCom.
 
 

Links ai siti della formazione Confcommercio in provincia di Treviso:

Ascom Confcommercio Castelfranco Veneto

Ascom Confcommercio Oderzo

Ascom Confcommercio Treviso

Ascom Confcommercio Vittorio Veneto

L’ente bilaterale interviene, nei limiti e nella modalità deliberate annulmente dal Consiglio Direttivo, finanziando le azioni formative previste come obbligatorie dal D.Lgs. 81/08 

 
 corso responsabile per la sicurezza e relativo aggiornamento (art 34 commi 2 e 3, D.Lgs 81/2008) 
 
 aggiornamento per datori di lavoro che si siano autonominati Responsabile Sicurezza e Formazione 
 
 guida per la compilazione del DVR su linee guida standardizzate 
 
 rimborso del costo di stesura del DVR (Documento Valutazione Rischi) fino ad un importo massimo di € 200,00 compresa IVA, in caso di prima assunzione per aziende che non hanno avuto precedentemente l’obbligo del DVR.
 
 rimborso dei costi sostenuti relativamente al sopralluogo periodico su check norma sanitaria con un massimo di € 150,00 compresa iva.
 
 corso per Rappresentanti lavoratori per la sicurezza e relativo aggiornamento (art 37 commi 10 e 11) 
 
 corso di formazione per lavoratori (art. 37 commi 1, 2, 3, 4, 6, D.Lgs 81/2008) 
 
 corso di prevenzione incendi (artt. 18, comma 1 lett. b e 37, comma 9 D.Lgs 81/2008; artt. 6 e 7 DM 10 Marzo 1998) 
 
 corso per addetti al primo soccorso (D.M. n° 388/2003) 
 
L’ente bilaterale – EBiCom - interviene inoltre finanziando le azioni formative previste per il miglioramento della prevenzione nei luoghi di lavoro ma non obbligatorie ai sensi di legge: 
 
 Formazione per la gestione dello stress lavoro correlato (Buone Prassi Confcommercio Treviso Spisal Ulss 7-8-9 Treviso) 
 
 Formazione in ordine alla valutazione del rischio lavoratrici madri (in conformità al manuale EBiCom, DPL Treviso, Spisal Ulss 7-8-9 Treviso, Inail Treviso su “Maternità: guida alla tutela della salute nell’ambiente lavorativo”) 
 
 Formazione in ordine alla malattia professionale (in conformità a quanto previsto dal progetto CoCo Pro Inail 2011)
 
 Corsi per la gestione del rischio da esposizione agenti cancerogeni (settore distributori di carburante. Progetto Confcommercio Gisc Treviso, EBiCom, Spisal Ulss 7-8-9 INAIL Treviso)
 
----------------------------------- 
* in riferimento ai percorsi formativi sulla sicurezza vale quanto precisato dalla circ.del Ministero del Lavoro in ordine alle competenze settoriali degli Enti Bilaterali, specificando che EBiCom Treviso rappresenta i settori per i quali vengono applicati i seguenti CCNL: CCNL per dipendenti da aziende del terziario, della distribuzione e dei servizi e CCNL per i dipendenti delle aziende del settore turismo. 
 
** con riferimento alla durata dei percorsi di formazione questi potranno essere adeguati a quanto previsto dalle decisioni che assumerà la conferenza Stato Regioni in merito. 
 
Formazione di base HACCP Formazione obbligatoria e sostitutiva del libretto sanitario
 
 Tali contributi saranno erogati a condizione che la relativa formazione sia stata svolta tramite strutture che risultino essere accreditate presso EBiCom.
 
 

Links ai siti della formazione Confcommercio in provincia di Treviso:

Ascom Confcommercio Castelfranco Veneto

Ascom Confcommercio Oderzo

Ascom Confcommercio Treviso

Ascom Confcommercio Vittorio Veneto